Festival Memorabilia

da | 3 Mar 2021 | Cultura

Curiosità in pillole attorno alla nascita di un evento nazional-popolare

In un’edizione del Festival quasi priva di eventi collaterali e di presentazioni di libri, la Mellophonium Broadsides esce con un testo dedicato agli albori della più importante, nota e chiacchierata manifestazione canora italiana. Il titolo del volume “Festival Memorabilia. Curiosità in pillole attorno alla nascita di un evento nazional-popolare” sbarca nelle libreria in coincidenza con l’inizio del 71° Festival della Canzone italiana. L’autore di questo interessante volumetto è Bruno Monticone, giornalista e firma storica della redazione sanremese de “La Stampa”.

Il testo tende a far scoprire l’origine della manifestazione, mettendo in rilievo le peculiarità e le differenze rispetto al grande evento televisivo che tutti conosciamo: si vede con l’occhio della storia la semplicità con cui i cantanti si presentavano, le differenze nella formula della gara, dove al centro c’erano proprio le canzoni anziché i personaggi, ma anche curiosità relative al mercato discografico di allora, gli slogan, i fautori della prima edizione e dell’idea stessa del Festival. Si parla dunque di Pier Busseti, Giulio Razzi e Amilcare Rambaldi, di Nilla Pizzi e di Nunzio Filogamo, del maestro Cinico Angelini e del Duo Fasano, insieme a testimonianze dirette che l’autore ha raccolto nel corso degli anni, oltre all’esperienza personale maturata come capo-ufficio stampa del Festival tra il 1983 e il 1985.

«All’interno del libro – si legge nella Prefazione – è presente una bibliografia di riferimento ma il pezzo forte sono le confidenze, le annotazioni e i ricordi personali del cronista.  Grazie alla struttura del volume articolata in tanti agili capitoli, qualora non si volesse seguire l’ordine di lettura, si potrà costruire un proprio andamento narrativo, tenendo ben presente però che il filo conduttore resta sempre il legame fra il Festival e la città in cui è nato.».

Il libro, con una prefazione di Romano Lupi, storico, giornalista sanremese e direttore del Mellophonium, viene pubblicato dalla Mellophonium Broadsides, branca editoriale del Centro studi musicali Stan Kenton di Sanremo, come ventitreesimo volume del proprio catalogo, in un agile formato e gradevole veste grafica. È in vendita al prezzo di 15 euro. 

Nell’accingersi a seguire un’ennesima annata festivaliera, tra l’altro del tutto anomala, questo lavoro è un invito a conoscerne meglio la genesi per comprendere la vera natura di questo fenomeno definito di cultura “nazional-popolare”.

Di Bruno Monticone.

Scritto da: Sara GIOVANNETTI

Ti potrebbe interessare…