Di Katia Ferrante

SANREMO. Il 2021 sarà l’anno della ripresa economica per un Paese all’estremo delle forze economiche, sanitarie e sociali? Il mondo se lo augura, l’Italia ci spera proprio e punta al rilancio che partirà nella primavera dell’anno prossimo, Covid19 permettendo.

Anche il Ponente Ligure ci sta seriamente lavorando, mentre Sanremo (“capitale” del turismo ponentino) avvia progetti e programmi all’insegna di un turismo internazionale che si augura ritorni presto. Vale per la città di fiori, per la Liguria e per l’Italia intera. Tra i programmi futuri sanremesi una bella novità potrebbe essere rappresentata dalla ripresa di una “storica” manifestazione che si teneva al Casino Municipale negli anni ’60: il Festival della Moda Maschile, unico esempio nazionale dell’epoca che, ancora oggi, comunque, non è stata più ripresa da altre località: come esempio valga la bella fotografia presa in prestito dall’archivio del fotoreporter sanremese: lo Studio Moreschi (che ringraziamo).

Un Festival che portava in città centinaia di Artigiani da tutto il Paese, ma soprattutto da Napoli dove tutt’ora il Sarto da Uomo campano è tra i più prestigiosi, come i tessuti più richiesti erano, e sono tutt’ora, quelli che arrivano dalla città piemontese di Biella, vera eccellenza mondiale nel campo dei filati. Ed è di questi giorni una lettera inviata al Sindaco di Sanremo Alberto Biancheri da parte del Presidente Nazionale del settore Moda della Confartigianato Imprese, Fabio Pietrella che intende illustrare l’intenzione di riaprire il discorso sulla moda maschile con la possibilità di poterlo realizzare, nella tarda primavera, proprio in una prestigiosa location della Città dei Fiori e della Musica in stretta collaborazione con gli Assessorati competenti.

Un primo approccio era già stato fatto a fine ottobre nel corso di un incontro, del tutto informale, al Royal Hotel con il Vice Presidente Nazionale di Confartigianato, Domenico Massimino, il Vice Presidente di Confartigianato Piemonte, Cristiano Gatti, Barbara Biale (dirigente Confartigianato e Casino Municipale), gli Assessori sanremesi Mauro Menozzi e Giuseppe Faraldi, sollecitati da Ilio Masprone nostro direttore e ideatore dell’iniziativa; dopo un buon caffè offerto da Marco Sarlo (direttore del prestigioso Hotel), la riunione si concludeva con il proposito di un secondo appuntamento nellasede più istituzionale del Comune di Sanremo, atto ad affrontare l’argomento che sta a cuore sia all’amministrazione, alla città, e alla stessa Confartigianato Imprese, ampiamente disponibile nel voler proseguire la collaborazione con la città del Festival della Canzone; un dato importante: Confartigianato conta, in Italia, 1.200 sedi, 1.500.000 iscritti e ben 3.000.000 di addetti ai lavori impiegati.