Di Illy Masper

SANREMO. Siamo ancora in emergenza Covid 19, ma già si pensa al futuro del Festival di Sanremo 2021? D’altro canto, proprio in questi giorni di emergenza sanitaria il tempo per pensare al dopo virus non manca, oltretutto Sanremo è un argomento sempre attuale. La settimana scorsa sono apparsi alcune fake news secondo le quali Rai Uno avrebbe dei dubbi sul ritorno all’Ariston di Amadeus e Fiorello insieme, mentre rispuntano due eccellenti nomi che non mancano di far parlare di sé visto l’argomento. il Festival è pur sempre di attualità: uno è Paolo Bonolis, l’altro Alessandro Cattelan, un signore spinto da destra e sinistra, nemmeno fosse un Dio catapultato verso terre sanremesi. Su Bonolis c’è da aggiungere solo che ogni anno rispunta questa possibilità di vederlo ritornare a Sanremo (ha un buon ufficio marketing), e poi puntualmente non se ne fa nulla. Oltre tutto, da anni, snobba il Festival perché afferma che il Teatro Ariston (ha scoperto l’America!) è insufficiente, quindi la sua presenza sarebbe inutile. Poi c’è il buon Cattelan sempre, in cerca di visibilità? Pare proprio di sì, vista anche la sua sterile polemica di qualche giorno fa con Lucio Presta, manager di Amadeus. Presta gli ha risposte per le rime e la cosa sembrerebbe finita lì, però intanto si è parlato di lui. Quanto alla Rai ci sembra un’altra bufala che stia valutando l’ipotesi di non ricandidare Amadeus che ha fatto un ottimo Festival; d’altro canto tutti gli esperimenti fatti da mamma Rai danno sempre una seconda possibilità (anche tre se è il caso) ad ogni conduttore. Prendiamo comunque per buone queste non notizie tanto, purtroppo, il tempi del coronavirus ci ha abituati ad altre mille bufale al giorno: quindi una più una meno, non fa differenza.