Fiorello: “Il mio momento preferito della serata? Achille Lauro che sembrava Belfagor”.

Di Giulia Chiuso

Sono un grande aziendalista e non voglio prendermi alcun merito di questo meraviglioso risultato: dopo 15 anni il primo Festival con lo share oltre il 50%. Inoltra, il 62% degli individui che ha seguito il Festival nella prima serata ha tra i 15 e i 24 anni: questa é la vera rivoluzione. Una raccolta di target che qualunque altro programma si scorda“.

Così Stefano Coletta apre la Conferenza Stampa del trionfo. Il picco di ascolti é stato alle 21.45, quando Amadeus ha iniziato il primo duello tra i Giovani, da lui voluti e reintrodotti sul palco dell’Ariston in prima serata. Alle 00.27, invece, il picco di share, quando Amadeus é uscito dall’Ariston per raggiungere piazza Colombo. Un ultimo dato: dal 1999 non accadeva che quasi il 50% del pubblico del Festival di Sanremo fosse laureato.

Una domanda sorge spontanea: perché non é andato in onda l’annunciato videomessaggio di Roger Waters, che doveva essere stato preparato da Rula? Coletta ha spiegato che non c’era alcun bisogno di un’introduzione all’emozionante monologo di Rula Jebreal: “Cosí profondo e toccante che qualunque altro intervento sarebbe risultato superfluo“, ha tagliato corto Coletta. Sarà possibile visionare questo video o la censura di mamma Rai é calata anche sulla testa di Roger Waters? Lamentele anche per la difficoltà nel seguire L’altro Festival di Nicola Savino: la connessione saltava continuamente.

Non poteva mancare poi una nuova incursione di Rosario Fiorello, che ha preso a sorpresa il posto di Amadeus, costretto ad abbandonare la Conferenza Stampa per motivi organizzativi della serata di mercoledì: “Il mio momento preferito della serata? Achille Lauro che mi sembrava Belfagor” — ha scherzato Fiorello.

La Conferenza Stampa si é conclusa con un lungo applauso in ricordo di Fabrizio Frizzi, che oggi avrebbe compiuto 62 anni.