La Redazione.

Al via la 68° edizione del Festival del cortometraggio d’Italia: il MISFF, Montecatini International Short Film Festival, che inaugura (dal 20 al 26 di ottobre) con una serie di numeri che fanno di questa rassegna un evento unico nel panorama cinematografico italiano: in totale oltre 155 proiezioni (100 in gara nel concorso internazionale e altre 30 per il concorso nazionale “Vetrina Fedic” più altre sezioni parallele), ospiti da tutto il mondo e artisti provenienti da 57 Paesi, 4 scuole di cinema 3 Giornate degli Autori, Masterclass, progetti per le scuole, casting, e altro ancora. 

Il Festival, che ha visto l’anno scorso il coinvolgimento di 5mila tra spettatori e partecipanti, è il più longevo evento dedicato al corto: di qui sono passati Alberto Sordi, Giulietta Masina, Dacia Maraini, Nanni Moretti, Pupi Avati, Marco Bellocchio, Ferzan Özpetek, Rutger Hauer e altri ancora; ultimi della serie Neri Parenti e Federica Vincenti (nella foto con il marito, l’attore Michele Placido), che hanno tenuto a battesimo l’edizione passata che torna con una inedita novità musicale.

Montecatini sarà dunque il nuovo crocevia cinematografico. Il MISFF è gemellato con una rete di Festival Internazionali (il portoghese Avanca Film Festival, il francese Festival International du Film sur le Handicap, lo spagnolo FEC – Festival Europeu de Curtmetratges e il Valletta Short Film Festival, i Festival russi 17 Momenti, Eco Cup e Bridge of Arts), con i quali ha creato una vera “fabbrica del cinema” che promuove eccellenze e giovani talenti. Una manifestazione aperta a tutti che, negli anni, ha saputo trovare la formula inedita che coniuga cinema e formazione come spiega Marcello Zeppi, Presidente del MISFF: «La creazione di partnership con i Festival Internazionali di Cinema, con le Scuole di Cinema e con le Università consente al MISFF di promuovere un proficuo scambio pluriennale di programmi, progetti, condivisione di pratiche e co- produzioni cinematografiche.

Ma non solo questo, ha permesso, grazie al trasferimento di competenze e conoscenze, di alimentare nuove opportunità di lavoro e studio per molti film maker, docenti, dirigenti di scuola e ricercatori». Tutto questo è possibile anche durante il Festival grazie ad una novità interessante di questa stagione rappresentata dalle Tavole Rotonde, un progetto nato per riunire i giovani allievi con maestri, docenti, ed esperti conoscitori dell’arte cinematografica, con personalità provenienti da tutto il mondo, per contribuire al tema ideato da Marcello Zeppi: il trasferimento delle conoscenze alle giovani generazioni allo scopo di creare nuova occupazione nell’industria culturale creativa. Come ogni anno, il Festival, con la Direzione Artistica del critico Giovanni Bogani, vede in gara cortometraggi di grande qualità. 

Tanti i generi in concorso: commedia, fantascienza, horror, romantici, sperimentali e fiction, passati attraverso la selezione della Commissione coordinata da Antonella Santarelli e dalla Giuria Internazionale. Attesissimo anche il ritorno del Pitching “The Authors’ Days (il 20, 21 e 22 di ottobre), durante le quali decine di progetti e idee provenienti dall’Italia e dall’estero saranno presentati al Cinema Imperiale di Montecatini, con la supervisione di Alessandro Grande, regista e docente di regia e sceneggiatura cinematografica. Un’iniziativa che si avvale della collaborazione dei attivi produttori per offrire agli autori più meritevoli possibilità di crescita professionale. Dopo il successo della scorsa edizione, (25 autori selezionati da tutta Europa e 8 società di produzione e distribuzione), ben 4 progetti sono in fase di sviluppo grazie a “The Authors’ Days”, e tutti hanno ottenuto un feedback per poter migliorare il proprio soggetto. 

Ma non solo: come ogni anno MISSF decide di privilegiare anche aspetti di impatto sociale con un focus specifico su opere legate al tema della disabilità grazie ad un gemellaggio con il Festival du Film sur le Handicap di Cannes; in più spazio ai racconti individuali e di associazioni del mondo del Volontariato. Un’edizione che conferma la doppia vocazione del Montecatini Festival: da un lato vetrina internazionale, dall’altro palestra per i giovani autori e le promesse del futuro; il Festival si avvale del supporto di numerose scuole di ogni ordine e grado della provincia di Pistoia e di tutta la Toscana.

Una programmazione pluriennale è stata pianificata dai responsabili dei progetti di convenzione con le scuole definiti anche in ambito ministeriale alternanza scuola-lavoro, declinati con workshop dedicati alla creazione di sottotitoli con studenti o seminari e campus per docenti delle scuole convenzionate.  MISFF afferma così la sua vocazione alla didattica; durante il Festival, anche con la promozione e l’organizzazione di Masterclass, Workshop e Progetti per le scuole, rivolti ai giovani studenti e, da questo anno, grazie al nuovo progetto MISFF3 Lab Cube, anche ai docenti e dirigenti.

Nei 6 anni di impegno con le Scuole il Festival ha formato al linguaggio cinematografico più di 1.200 studenti e volontari.  Per la Scuola primaria e secondaria realizza laboratori di cinema a Montecatini distribuiti nell’arco dell’anno condotti da Laura Biggi (Responsabile Nazionale FEDIC Scuola) e da Lorenzo Caravello. Per diffondere la cultura del  cinema in ogni fascia sociale, il Festival organizza mattinate e giornate intere con proiezioni di film nelle sale aperte a tutti. L’ingresso è gratuito. http://filmvideomontecatini.jimdo.com/