SANREMO, si cambia: fuori l’Assessora al Turismo Daniela Cassini e altri tre amministratori?

Di Illy Masper

In alcuni articoli precedenti avevamo espresso molte volte che, forse, il Turismo della Città di Sanremo fosse nelle mani sbagliate. Una previsione azzeccata perché, proprio in questi giorni di marasma amministrativo, con un coraggio che gli fa onore, il Sindaco della città dei fiori Alberto Biancheri (una gioiosa immagine del Sindaco) sta cordialmente mettendo alla porta l’Assessore al Turismo e alla Cultura Daniela Cassini (nella foto) insieme ad altri 3 tra assessori e consiglieri. 

Di questi ultimi non ce ne occupiamo perché il nostro quotidiano da sempre si limita a trattare argomenti legati al Festival della Canzone e al Turismo di Sanremo e poco altro. Il motivo è semplice: da 28 anni Festivalnews scrive di musica, di Festival per scelta editoriale, ed ha sempre ignorato ogni altra informazione lasciando ad altri colleghi, più preparati alla cronaca locale, quest’altro delicato compito. Torniamo alla Cassini, nemica giurata del nostro sito: per lei dunque è segnato l’arrivo al capolinea della sua carriera di “assessora”? Che le verrebbe dato con un ben servito e tanti complimenti d’uso: il nostro giornale, in tutto ciò, ha contribuito (suo malgrado) ad arrivare a questo risultato.

Che non fa certo piacere, lo sappiamo bene, ma il nostro lavoro consiste proprio nel riportare risultati positivi, ma anche negativi e quelli della Signora Cassini, purtroppo, non erano mai molto positivi. Elencare i “guasti” sarebbe lungo e poco piacevole, tuttavia lo ha sempre fatto con dovizia di particolari, l’opposizione. Noi ci limitiamo a riportare notizie, pareri politici ed anche opinioni di cittadini scontenti, quindi giudizi altrui e anche nostri lo ammettiamo, che spesso mettevano in cattiva luce l’operato piuttosto deludente dell’Assessora. E se Sanremo è arrivata a questa conclusione evidentemente il Sindaco ha ritenuto opportuno che questi altri 2 anni di gestione politico-amministrativa debbano necessariamente cambiare, in meglio possibilmente. E non soltanto nel settore del Turismo sia chiaro: Sanremo ha ben altre pecche che non sono da meno. 

Adesso dunque si volta pagina? Lo speriamo noi, ma soprattutto se lo augura il sanremese onesto che lavora con tutte le difficoltà di questi tempi. Abbiamo detto che mancano 2 anni al termine della legislatura che verrà poi giudicata, probabilmente, nel maggio del 2019; due anni – in fondo – non sono tanti e che la macchina della campagna elettorale è già doverosamente decollata. Il cittadino tra 24 mesi trarrà le sue conclusioni e vedrà se sarà il caso di appoggiare questo o quel candidato: se rinnovare la fiducia all’attuale Primo uomo di Sanremo, oppure andare verso altri lidi.

A proposito del Sindaco Alberto Biancheri abbiamo più volte ribadito che in città gode di tantissima stima come uomo e come amministratore, a parte quello che dice l’opposizione che fa il suo mestiere: poi con quest’ultimo coraggioso atto, assolutamente politico, diciamo pure che lo pone in una posizione di vantaggio. Anche perché sta dimostrando di essere un amministratore e al tempo stesso un politico che vede lontano e che, dagli ultimi risultati che si intravvedono in città di questi ultimi tempi, si potrebbe proprio dire che qualcosa stia davvero cambiando. L’ultimo atto di questa vicenda politico-amministrativa sanremese è rimandata solo di qualche giorno.

Lascia un commento