AREA SANREMO: malcontento tra i ragazzi iscritti e numeri fasulli sui risultati finali?

Di Illy Masper

SANREMO. La sensazione è che anche questa edizione di Area Sanremo 2017/18, con la complicità della corte dei miracoli formata dal trio uscente (finalmente) Maurizio Caridi, Stefano Senardi e Massimo Cotto, sia la solita solfa dei loro ultimi due anni precedenti. E cioè che imbastiscano numeri fasulli da dare in pasto ai creduloni che li diffondono senza verificare. D’altronde si prende per buono ciò che ti rifilano nei vaghi comunicati stampa e il tempo per le verifiche manca sempre, così accade che, tutto sommato, una cinquantina di iscritti in più rispetto all’anno precedente, appaiono come un altro grande successo.

Che non lo è affatto, se si considera, oltretutto, che per incrementare il numero di questi iscritti si sono inventati anche un Tour estivo servito solo a chi lo ha ideato e realizzato per i propri interessi: gli stessi ragazzi e ragazze si sarebbero iscritti anche senza partecipare al fantomatico tour di cui non si hanno mai avute notizie certe di come andassero le cose se non all’ultimo momento, cioè la settimana scorsa. E oggi, per capire come stiano andando le semifinali, basta leggere su Facebook le lamentele, le accuse, le invettive, verso un’organizzazione che fa acqua da tutte le parti e che si rigira il Regolamento a proprio uso e consumo secondo le situazioni del momento. Tra le tante accuse ci si chiede, intanto, perché le audizioni dei giovani siano effettuate a porte chiuse: qualcosa da nascondere o il timore che gli iscritti si rendano conto di come avvengono i molto probabili inciucci, alla faccia di quella trasparenza che dovrebbe essere la buona regola per un concorso serio, specie se di proprietà di un Ente Pubblico! 

I ragazzi e le ragazze che hanno passato questa prima selezione sanremese devono, poi, autoprodursi un Video Clip della canzone inedita che dev’essere consegnata alla Commissione di Area Sanremo entro il 15 novembre prossimo e, siccome sapranno dopo il 30 ottobre se sono passati alla fase successiva, hanno 15 giorni o forse meno per realizzare il video, non ci sembra un tempo equo a parte i costi che le famiglie devono ancora sostenere e poi, a che serve in sostanza questo video? a chi lo produce certo. Ed ecco perché molti iscritti alla fine rinunciano a continuare anche per non sopportare altre spese di viaggio e soggiorno, tutto ciò con soddisfazione dell’organizzazione così ha più facilità nella scelta finale.

Ma la fase finale dei Due giovani che saranno scelti per andare al Festival dell’Ariston, sarà l’atto finale di quella triade che cercherà di convincere il Direttore Artistico Claudio Baglioni a confermare i nomi che loro stessi sceglieranno senza che lui perda tempo ad ascoltare tuti i finalisti. Insomma niente di nuovo sotto il sole dell’azzurro cielo di Sanremo, la cui amministrazione azzarderà presto un’altra ipotesi: cancellare definitivamente Area Sanremo, mandare tutti a casa e ripartire da zero: 600 iscritti, compresi i gruppi, che ovviamente diminuiscono il conteggio finale, non è un successo per la Fondazione Orchestra Sinfonica chiamata a svolgere un compito che non è assolutamente nelle sue corde, speriamo che lo abbia finalmente capito il Sindaco e soprattutto il nuovo Assessore al Turismo e Manifestazioni Marco Sarlo in questi giorni in “tournee” in Russia per conto del Comune. Nella foto l’interno del Palafiori dove avvengono le semifinali e le finali del concorso Area Sanremo.

Lascia un commento