“Premio Regia Televisiva”, addio?

E’ di questi giorni la notizia secondo la quale la città di Sanremo non ospiterà più, definitivamente, la trasmissione televisiva “Premio Regia Televisiva” dello storico presentatore Daniele Piombi. Già l’anno scorso, tra l’altro, la Rai l’aveva spostata a Roma, ma con l’intento di riportarla nuovamente nella città dei fiori, anche perché l’emittente aveva sempre sfruttato, in gran parte, la scenografia del Festival della Canzone già posizionata al Teatro Ariston. Invece c’è stato un contrordine, anzi, pare che venga addirittura cancellata dai palinsesti di Rai Uno e non solo per mancanza di fondi, ma anche perché sarebbero un po’ decadute le motivazioni che riguardano i programmi da premiare. Tenuto conto che, molto spesso, venivano premiate trasmissioni che non erano di produzione Rai, ma della concorrenza. Per cui l’emittente di Stato si ritrovava frequentemente a fare “pubblicità” a trasmissioni private di cui ne avrebbe fatto volentieri a meno. Inoltre, da anni ormai, esistono altre trasmissioniimage che vengono irradiate sui canali di internet e, in questo senso, la produzione del Premio Regia non aveva ancora avuto modo di organizzarsi in proposito. Fatto sta che la trasmissione del caro Piombi, non avrà seguito fino a che, eventualmente, non si troverà un’altra soluzione. Che la Rai non si auspica affatto perché si dovrebbe raffrontare poi con i Badget pubblicitari sempre più striminziti. Il pubblico che seguiva Daniele Piombi non sarà contento di non rivedere più il “Signore” della televisione, così era sopranominato Piombi, che era noto non solo per la professionalità, ma soprattutto per l’innata classe e lo stile che aveva nella conduzione, che rendeva il programma, ma non solo i Premi Regia, davvero piacevole e graditi ad un pubblico, magari non giovanissimo, ma che comunque si divertiva con una tipologia di trasmissione che non c’è più: la classe non è acqua e adesso di acqua c’è ne davvero tanta, quasi da affogarsi.

Festivalnews Redazione

Redazione di Festivalnews

Lascia un commento