Sparisce Area Sanremo e subentra Sanremo Giovani? Staremo a vedere.

di Susanna Maggio

E dal momento che il concorso canoro Area Sanremo, destinato a scomparire definitivamente, tanto varrebbe che ad occupare meglio quello spazio rimasto vuoto sia il titolo Sanremo Giovani che la Rai utilizza per l’omonima trasmissione, mentre a Sanremo pare proprio che quel marchio sia di proprietà dell’Associazione MultiMedia, attiva da anni in campo discografico e radiofonico, avendo in passato, anche prodotto vari CD e trasmissioni con quel nome. E siccome abbiamo già scritto che tra le parti si è aperta una querelle giudiziaria, sarebbe il caso che si sedessero allo stesso tavolo per trovare una soluzione, speriamo indolore per entrambi. Tuttavia, prima di questa auspicabile eventualità, Sanremo Giovani (della città dei fiori) sta aprendo un proprio sito web: www.sanremogiovani.com attraverso il quale intende portare avanti una serie di iniziative a partire dalla locale cittadina ligure fino all’internazionale, e non solo discografiche, ma anche nella creazione di eventi esportabili all’estero con il titolo tra l’altro di Sanremo International (nella foto) nome e format già depositato in Siae da anni. Non propriamente un concorso per ora, quindi, ma una sorta di collante, anche discografico, tra la città dei fiori e il resto del mondo per chiunque intenda partecipare ad eventi musicali già presenti nel palinsesto di Radio Sanremo con ascolti dall’estero da capogiro. Numeri che superano i trecento milioni (avete capito bene) di minuti d’ascolto al mese di media (verificabili) e che Sanremo e le varie amministrazioni non hanno mai preso in considerazione, perché totalmente fuori da ogni capacità imprenditoriale e acuta sensibilità. Il primo di questi eventi internazionali sarebbe già stato programmato per il prossimo sei dicembre al Teatro del Casino Municipale in occasione del lungo ponte di Sant’Ambrogio, che anticipa le feste natalizie. Un evento al quale potranno arrivare Nuovi Talenti provenienti anche dall’estero e che, a sua volta, quelli italiani potranno partecipare, ad esempio, in uno di quei tanti Festival Italiani presenti in America, a Bruxelles o in quei luoghi di grandi comunità italiane. Tutte queste premesse dovranno poi trovare conferme e certezze anche dall’amministrazione sanremese, qualunque essa sarà dopo il 26 maggio, perché sarà inevitabile che dovrà prendere importanti decisioni anche nel settore a lei più affine: quello della musica, leggera ma anche classica, e delle manifestazioni che portino alto il nome di Sanremo nel mondo. Come è successo ultimamente con, appunto, quel titolo Sanremo Giovani che la Rai (impropriamente?) ha comunque molto ben organizzato in varie città straniere, con la collaborazione del Ministero dei Beni Culturali.