Il caso Peppino Di Capri. Sindaco e Rai, perché non provate a parlarvi?

di Redazione

Il dilemma se consegnare il Premio alla Carriera al grande artista Peppino di Capri che quest’anno compie 60 anni di splendida professione, ad oggi è ancora un dramma Rainiano. Infatti, fino a questo momento la “dolce” mamma Rai non ha ancora sciolto la riserva, nonostante il primo intervento del nostro direttore Ilio Masprone, nonostante che Claudio Baglioni lo abbia annunciato in Conferenza Stampa due settimane fà, nonostante l’OK da parte del Sindaco Alberto Biancheri (il premio è a nome della Città di Sanremo) e nonostante che Porta a Porta, con Bruno Vespa, lo abbia sbandierato ai 4 venti. Nonostante tutto questo trambusto comunicativo, appunto, la decisione definitiva in Viale Mazzini a Roma non è ancora stata presa. E il maestro caprese è anche un po’ contrariato perché il tanto rumore fatto attorno a questa faccenda non ha sortito praticamente nulla e ci sembra anche un po’ scortese nei confronti dell’artista stesso che non merita questo trattamento. Eppure se ne parla da settembre, quando il nostro sito annunciava – per primo – questa ipotesi, subito accolta dal primo cittadino della città dei fiori, poi la questione è addirittura proseguita anche con una petizione di 50 colleghi giornalisti italiani, letta anche da Baglioni, ma evidentemente tutto ciò non è servito a nulla. E all’inizio della prima serata del Festival mancano una manciata giorni e questa benedetta conferma dalla Tv di Stato non arriva. Ciò premesso, visto che se si tratta di un premio che riguarda innanzitutto la città dei fiori, non sarebbe sufficiente che la decisione fosse solo del Sindaco, che non dovrebbe far altro, a quel punto, che comunicare ufficialmente alla Rai la sua scelta e proseguire con l’organizzazione della premiazione? Invece no, pare proprio che debba essere la Rai soprattutto d’accordo e non solo il Comune: ergo, la Rai unica Padrona del Festival? Certamente nessuno le toglie la certezza dei suoi Diritti Esclusivi, ma Sanremo ha pur sempre la titolarità del Marchio. Allora come la mettiamo cara Rai vogliamo darci una mossa e magari perché non vi sentite col Sindaco?