Ridateci il nostro Volo

Standing ovation all’Ariston. I palchi applaudono i tenorini ormai cresciuti

 

Reduci dal tour i Giappone le creature Made in Sanremo, vincitori del Festival edizione 2015 con Grande Amore emozionano e travolgono platea e sala stampa. La performance de il Volo già da sola vale il carnet delle serate del Festival : vocalità impeccabili e potenti da far scorrere i brividi sulle schiene della platea più algida.

Non basta a rendere mediocre la performance il fatto che coro, Volo e Baglioni non entrassero a tempo, non serrassero l’ unisono, sbagliassero ogni tempo (almeno così è parso al di qua dello schermo): le vocalità di Ignazio, Gianluca e Piero hanno sbaragliato l’Ariston. Così sono tornati, e hanno rivinto. Ben venga. Anzi, ridateci il nostro Volo o saremmo costretti a rimanere qui a terra ad ascoltare un purtroppo moscio Gazze’ quest’anno.

Tutti in piedi e applausi da far crollare la Galleria :le tre giovani marmotte  di quella vecchia Torpedine sono diventate grandi. Non più tenorini, l’impostazione vocale è maturata e a sentirli, a vederli, tornano per un instante alla mente Pavarotti, Carreras e Domingo. Di strada c’è ne da fare ma se questo è l’ inizio voleranno.

 

Erika Cannoletta

Lascia un commento