Le opere di Michele Affidato al Festival di Sanremo

Non solo premi che il maestro realizzerà per i big della musica, ma impegno anche per l’Unicef

Di Marco Volpato

Mancano pochi giorni all’avvio del 68° Festival e come da diversi anni ad impreziosire la kermesse ci saranno anche le opere dell’orafo Michele Affidato. Un lavoro che inizia, in realtà, molti mesi prima con una fase di preparazione vera e propria che lo vede impegnato nella realizzazione di alcune creazioni uniche nel loro genere e che rimarranno negli annali della kermesse. Tra le tante opere che verranno realizzate quest’anno spicca un Premio Speciale, riconoscimento tra i più prestigiosi del Festival che verrà consegnato sul palco dell’Ariston e reso noto nei prossimi giorni nel corso di una conferenza stampa. Di grande importanza anche il premio Numeri Uno-Città di Sanremo, quest’anno assegnato a Toto Cutugno, ideato da Ilio Masprone e assegnato negli anni a personaggi simbolo del Festival tra cui Pippo Baudo, Al Bano Carrisi, Tony Renis e Rita Pavone.

Di rilievo anche i premi Dietro le Quinte, per gli addetti ai lavori che hanno contribuito a rendere ancor più popolare il Festival nel mondo, quelli per il Musica contro le Mafie Words and Awards e i premi “Soundies Awards miglior videoclip categoria giovani e categoria big”. Il Maestro inoltre, nominato di recente Ambasciatore dell’Unicef, promuoverà a Casa Sanremo anche il convegno “Per una integrazione che riguardi i diritti di tutti” al quale parteciperà il Presidente nazionale Unicef Giacomo Guerrera. Non mancherà il classico appuntamento con l’inaugurazione di Casa Sanremo, il salotto del Festival per via delle manifestazioni che ospita nell’arco dell’intera settimana. Anche quest’anno l’orafo Michele Affidato avrà l’onore di tagliare il nastro insieme alla madrina Elisa Isoardi, volto noto della Rai, al patron Vincenzo Russolillo e alle autorità sanremesi.

Inoltre, Michele Affidato è l’orafo ufficiale di Area Sanremo, il concorso che porta i giovani vincitori al Festival. Sarà una settimana davvero intensa e ricca di emozioni per Affidato che, oltre alla propria arte, cerca di valorizzare e rendere più forte il binomio tra musica e solidarietà, portando all’attenzione di una grande platea i temi promossi dall’Unicef. “Quella di Sanremo – commenta Affidato – per me è una settimana faticosa, ma allo stesso tempo magica. Le mie opere sono state consegnate ad artisti che rappresentano la storia della musica italiana e ad altri che ancora continuano a scriverla. E’ un onore, ma allo stesso tempo un impegno importante: anche quest’anno saremo con i Big e questa è una soddisfazione enorme. Così come lo è quella per il convegno che organizziamo con l’Unicef e che tratta un tema delicato quanto attuale”. Nella foto il premio realizzato per Toto Cutugno.

Lascia un commento