Daniela Cassini esce dalla porta e rientra dalla finestra? Biancheri, attento alle promesse del Presidente Toti

Nella riedizione della nuova Giunta di Sanremo, il Sindaco Alberto Biancheri ha avocato a se il settore della
Cultura, mentre ha affidato Turismo e Manifestazioni, come è noto, a Marco Sarlo, indipendente, tecnico
del settore e vicino alla pensione come direttore del Royal Hotel Sanremo. Quella del Sindaco è stata una
mossa inaspettata, quanto inspiegabile, perché lascia aperto qualche dubbio in quanto la Cultura sposa
molto bene con il Turismo, le Manifestazioni e quant’altro purché inerente, mentre non ha molto a che
fare con il resto di cui si deve occupare necessariamente Alberto Biancheri. Che di cose fa seguire ne ha
anche troppe e tra queste il rapporto con la Rai per il Festival. Il sospetto, abbastanza fondato, è che il
Sindaco pare abbia l’intenzione di recuperare la ex assessora per affidarle magari un Incarico Esterno quale
responsabile di quella Cultura che comprenderebbe, guarda caso, sia l’Orchestra Sinfonica che il concorso
Area Sanremo (che con la Cultura c’entra ben poco). Se così fosse e ammesso che la ex assessora Daniela
Cassini accetti, sarebbe come dare l’addio alla propria dignità personale: da un lato vieni “cacciata”,
dall’altra recuperata nello stesso settore di prima, proprio da chi ti ha fatto fuori! Forse perché la Sinfonica
e la stessa Area Sanremo sono ancora affidate ai suoi adepti compagni, fino alla fine dell’anno con
possibilità di proroga fino al Festival 2018, così che comprendano le Iniziative Collaterali all’evento
musicale dell’anno? Potrebbe essere.
La mossa di Biancheri spiazzerebbe però il Turismo perché non si capisce, allora, quali siano le
Manifestazioni di cui si dovrebbe occupare Marco Sarlo: tolte quelle legate al Festival (fatte rientrare nella
Cultura!) resterebbe ben poca cosa da gestire. E non si capisce nemmeno quale sia lo scopo di far tornare
nei giochi la Cassini, se non quello che – in effetti – dovrà pur campare con qualche cosa. Di fatto sono
tuttavia giochetti da politica un po’ anomala, da posizioni chiaro scure che alimentano ancor più le
polemiche sull’iniziativa del cittadino numero uno, per aver stravolto la Giunta con motivazioni
sostanzialmente partitiche: attenzione, caro Sindaco alle promesse del Presidente della Regione Giovanni
Toti che fa solo – ovviamente – gli interessi della sua Forza Italia. E’ stato invece molto più dignitoso l’ex Vice
Sindaco di Sanremo Faraldi al quale gli erano state offerte alcune situazioni di ripiego e lui, con saggezza
politica, le ha rifiutate.
Ora però il Turismo si trova in una posizione difficile perché nel caso dovrebbe convivere con quest’altra
decisione del Sindaco che, speriamo, venga superata dal buon senso: Turismo e Cultura devono essere
un’unica entità, questo nell’interesse della città stanca delle confusioni politico-partitiche da quattro soldi.
E’ tempo di lavorare con dei tecnici, con persone qualificate, pulite, trasparenti e che stiano lontane il più
possibile dagli interessi dei partiti di destra e sinistra, non fa differenza. Quanto al neo-Assessore Sarlo, di
ritorno dagli Usa, dovrà confrontarsi nel farsi dare, dal primo Signore di Sanremo, alcune linee guida,
dopodiché formarsi una propria squadra e lavorare perché il Festival della Canzone è alle porte e il suo
nuovo incarico dovrà dare i primi risultati proprio a partire dal prossimo febbraio, mentre l’estate è anche
dietro l’angolo. La foto ritrae il Sindaco Alberto Biancheri e Daniela Cassini ai tempi felici!

Festivalnews Redazione

Redazione di Festivalnews

Lascia un commento