Festival 2018: 20 agosto Rai Uno Buio Pesto?

Di Illy Masper

Rai Uno è in alto mare. Del Festival di Sanremo, non solo non se ne parla, ma non ci sono ancora nemmeno idee sul da farsi; chi è rimasto a Roma si giustifica dicendo che la calura del Ferragosto non porta nulla di buono e il troppo caldo non aiuta certo a pensare; tanto più ad un Festival della Canzone Italiana in programma tra soli (si fa per dire) sei mesi.

Eppure l’anno scorso a quest’ora si conoscevano già le date, mentre ad oggi è addirittura ancora in ballo la questione della convenzione tra l’ente televisivo di Stato e il Comune di Sanremo. Un rinnovo difficile perché la Rai tira sul prezzo e Sanremo, ne vorrebbe di più. In ballo ci sono i 5 milioni (più ammennicoli vari) dell’anno scorso, che mamma Rai vorrebbe ridurre, mentre la città dei fiori insiste per adeguare la cifra; vedremo a settembre chi avrà la meglio.

Sui nomi che avranno la direzione artistica circolano ancora quelli di Tony Renis, Gianmarco Mazzi, l’improbabile ritorno di Carlo Conti (solo come direttore); mentre il cantante Mika è disponibile per un’eventuale conduzione, ma ha detto no come direttore artistico adducendo, con onestà, che non è all’altezza del compito. 

Buio anche sui probabili conduttori: no a Bonolis, incerti Amadeus (ma piace molto l’idea), Frizzi, Fabio Fazio (speriamo di no); niente da fare per Massimo Giletti passato a La 7 con la sua “Arena”, mentre Antonella Clerici (raggiante nella foto) è ancora tra le favorite; poi tornano in ballo anche alcuni attori come Cristian de Sica, il commissario Montalbano al secolo, Luca Zingaretti, con la cabarettista Virginia Raffaele.

Tutto ciò mentre al sole della Sardegna rispuntano altri nomi e cognomi. Quello di Pippo Baudo, in una situazione tutta da verificare, ma anche uno dei tanti Marescialli di Rai Uno (non è precisato quale) “parola” del direttore Andrea Fabiano, ma non quella del potente consulente speciale Giancarlo Leone, vero patron del Sanremo Festival. Poi ci si potrebbe sbizzarrire anche su altre eventuali presenze, ma si rischierebbe di creare maggior confusione: ad oggi bastano e avanzano queste, anzi ci paiono già anche troppe. Comunque viva la calda estate, perché l’autunno in Rai sarà…bollente, questa volta la parola è del Direttore Generale Mario Orfeo, napoletano DOC.

Lascia un commento