“I Muri di Berlino”: nuovo disco di Maldestro vincitore a Sanremo del premio Mia Martini

di Maria Troisi

MILANO. “I muri di Berlino” è il nuovo album di Maldestro, secondo classificato tra le nuove proposte dell’ultimo Festival di Sanremo, con il brano “Canzone per Federica”. A Sanremo (lo ricordiamo) Maldestro ha fatto incetta di premi, vincendo quello della critica “Mia Marini”, il premio Lunezia, il premio Enzo Jannaci e di Assomusica, mentre gli è stato conferito, dalla Regione Basilicata, il premio per il Miglior Videoclip a conferma di essere uno dei cantautori più interessanti e sensibili della scena musicale italiana. Il titolo del nuovo lavoro è, per ammissione dell’artista, un riferimento ai muri che vivono dentro di noi, nonché un omaggio a una città che è rimasta nel cuore del cantante napoletano: Berlino. Il disco si snoda in dieci tracce (compreso il brano portato al Festival), figurandosi come una sorta di viaggio nelle sfumature interiori dei sentimenti umani, mentre si lascia cullare dalla speranza di intravvedere un futuro migliore, attraverso quelle piccole crepe che creiamo sui muri che innalziamo dentro di noi per difenderci da qualcosa che non conosciamo, timorosi persino di entrare in quel mondo. L’artista ha sempre fatto musica esordendo, tuttavia come attore e autore di teatro, impegnato anche in iniziative per la legalità nelle carceri e nelle scuole. A 28 anni ha iniziato poi a pubblicare e cantare in pubblico le sue canzoni. Rivelazione della scena cantautorale degli ultimi 2 anni, Maldestro è un autore raffinato, dalla voce graffiante. Nelle sue canzoni racconta l’amore, la rabbia, la speranza, cogliendo le mille sfaccettature che caratterizzano la nostra vita. Il secondo estratto dell’album, “Abbi cura di te” è in rotazione radiofonica in contemporanea con l’uscita del disco ed è nella colonna sonora del nuovo film di Massimiliano Bruno, “Beata Ignoranza” con Alessandro Gassman e Marco Giallini. Maldestro è attualmente ancora impegnato nella presentazione del disco, tra Instore e tour partito il 12 aprile da Bologna.

Lascia un commento