Area Sanremo: Flop dei 2 finalisti, il Sindaco al rinnovo per la convenzione Rai e la nomina di un Direttore Artistico?

Ancora prima della fine del Festival sono andati a casa i 2 finalisti di Area Sanremo Federico Braschi e Valeria Farinacci (nella foto), indice evidente di una scelta artistica discutibile per una Commissione Artistica che si picca di essere esperta in fatto di musica? Certo può capitare, tuttavia evidenzia alcune questioni che andrebbero riviste all’interno del concorso; innanzitutto il regolamento, vecchio nella forma e nella sostanza: porta 2 giovani al Festival, mentre la Rai ne piazza 6. Visti poi i modesti risultati del 2016 (da 370 a 414 canzoni presentate) non si può certo dire che il concorso sia stato un successo in quanto siamo ben lontani dalle 2500/3000 persone che ai tempi dell’Accademia della Canzone arrivavano a Sanremo e ci restavano per una settimana. Oggi i ragazzi pagano un’iscrizione di 350 Euro ciascuno, decisamente troppo alta per un Comune del livello di una città “ricca”. Oltretutto sarebbe anche utile conoscere il bilancio economico di entrate e uscite dell’Ente Pubblico della Sinfonica: non sarebbe obbligato a pubblicarlo, se non altro per trasparenza? Il sito di Area Sanremo in tal senso è buio, cosa bisogna fare per verificare un Atto Pubblico, rivolgersi alle autorità competenti? Quindi, che si tratti di una gestione poco attenta è un dato di fatto. Il Comune di Sanremo, nell’affidare alla Fondazione Orchestra Sinfonia la gestione del concorso, con scadenza fine 2017, aveva chiesto al Presidente Maurizio Caridi di riorganizzare il concorso e predisporre un nuovo regolamento che fosse pronto per fine 2017. Probabilmente non sarà così perché nel frattempo si è già impegnato (suo malgrado) con alcuni di quei personaggi, tra cui l’appena riconfermato Direttore Artistico Stefano Senardi (strapagato?), mentre il resto della Commissione Esaminatrice, se non verrà rinnovata, continuerà a fare il bello e il cattivo tempo come ha sempre fatto con la conseguenza che Area Sanremo non riesce a fare passi avanti. Intanto il problema sarà oggetto di discussione (si spera) con la Rai in vista del rinnovo della convenzione e non è detto che Sanremo riesca a convincere la tivvù di Stato a riconfermare i 2 posti per il Festival se non cambiano alcune situazioni. Il Sindaco Alberto Biancheri dovrà mettercela tutta e trovare validi argomenti da portare al tavolo delle trattative per ritornare, poi, a casa con risultati che diano la speranza di un rilancio socio-turistico ed economico di una città che dimostra i suoi limiti organizzativi turisticamente parlando. E non sarà certo l’eventuale nomina di un Direttore Artistico, come si vocifera, che potrà risolvere i problemi di un Comune che non ha nemmeno un Ufficio Manifestazioni, nonostante ci siano in loco forze professionali interessanti, assieme ai funzionari del Turismo i quali – dicono – essere competenti in materia; allora basterebbe dar loro quest’altra possibilità.

Lascia un commento