Al piccolo Matteo Conti piacerà la musica del Festival?

In questo clima di ormai superata atmosfera di renzinite cronica il nome Matteo va alla grande. Non che Carlo Conti abbia scelto il nome per suo figlio in onore a Renzi, per carità no (nella foto la famiglia al completo). Tuttavia gli esempi ci sono e sono davvero numerosi a leggere Facebook; si pensi che negli ultimi 2 anni questo biblico nome, Matteo pare sia diventato anche un toccasana per la Chiesa cattolica sempre all’affannosa ricerca di nuovi spunti per un cristianesimo un po’ abbarbicato su teologie di vecchio stampo che inneggiano a mettere nomi eccelsi e di santi alle nuove generazioni. Tralasciamo questi aspetti, non di poco conto comunque, al popolarissimo quanto amato Papa Francesco, per occuparci invece del profano Festival di Sanremo e del gioioso problema di Conti che festeggerà i primi tre anni del suo primo pargoletto, proprio durante le serate sanremesi. Li festeggerà in diretta? Annuncerà anche una seconda presunta natività? Chissà, non ci sarebbe nulla di male, in fondo anche lui è un umano: due paroline le dirà sicuramente anzi, aggiungerà che il piccolo Matteo comincia già ad amare la musica ed apprezzare tutto quello che fa il suo papà, così scoppierà un grande applauso e noi ci uniremo volentieri. Intanto il conduttore prosegue la caccia alle cinque collaboratrici che lo affiancheranno sul palco dell’Ariston e spuntano altri due nomi eccellenti: Valeria Marini e la sempre spumeggiante Pamela Prati, che si è addirittura autoproposta. Non più ragazzine, certo, ma comunque due belle Signore che potrebbero contribuire al successo del Festival insieme al bel Luca Argentero? Vedremo. In questo tripudio di nomi e cognomi, di artisti Big o sconosciuti, di ospiti e super-ospiti, ognuno dice la sua, ma tutti tirano ad indovinare e non sanno, anzi non sappiamo, che Conti riserverà sorprese dell’ultimo momento. Per adesso lasciamogli il tempo di proporre al pubblico di Rai Uno, con l’imminente “Sarà Sanremo”, il programma dedicato ai giovani che andranno al Festival e che vedremo il 12 dicembre. Tutti ci auguriamo che sia una trasmissione godibile, che si ascolti della buona musica proposta dai giovani che, questa posizione televisiva, se la sono guadagnata con tanti sacrifici. E che vincano davvero i migliori.

Lascia un commento